Esame udito

by in Info Farmacie Ghiozzi 19 Dicembre 2018

Il controllo dell’udito, soprattutto in età adulta, è un semplice modo per prevenire o diagnosticare tempestivamente eventuali disturbi nella percezione dei suoni.
Oggi ci sono diversi esami disponibili ma certamente il test audiometrico è uno dei più affidabili. Si tratta di un’indagine del tutto non invasiva e priva di stress per il paziente, attraverso la quale è possibile misurare l’udito con un ottimo livello di precisione. L’esame garantisce un’accurata misurazione delle performance uditive, consentendo di rilevare eventuali cali non fisiologici che compromettono la percezione corretta dei suoni, rumori e stimoli uditivi.

Il controllo dell’udito è un test che non ha età. Sostanzialmente, va effettuato ogni qualvolta si sospetti l’insorgenza di ipoacusie e deficit uditivi, anche se transitori o di lieve entità.
Tuttavia, a seconda delle caratteristiche genetiche, dello stile di vita e di eventuali traumi, le ipoacusie degenerative possono insorgere anche in età giovanile. Per tale motivo, gli specialisti consigliano di effettuare il primo controllo dell’udito dopo i 30 anni e, in ogni caso, non oltre i 60 anni.
Il test audiometrico, infatti, non è una semplice visita di controllo ma anche un importante mezzo di prevenzione che può contribuire a salvaguardare il proprio udito attraverso la diagnosi precoce di eventuali ipoacusie allo stadio iniziale.